What’s New in Gastrointestinal Imaging – November 2021

2 mesi ago

Correlation of gastrointestinal perforation location and amount of free air and ascites on CT imaging – Drakopoulos D, Arcon J, Freitag P, El-Ashmawy M, Lourens S, Beldi G, Obmann VC, Ebner L, Huber AT, Christe A. Abdominal Radiology 2021 46:4536-4547

Questo articolo mira a indentificare una perforazione di un viscere analizzando il volume di aria libera e di ascite. In primo luogo, gli autori presentano gli scenari clinici in cui può essere presenti aria e fluido liberi e le tecniche di imaging utilizzate per tentare di localizzare il sito della perforazione. Questo studio retrospettivo ha esaminato 172 pazienti con perforazione gastrointestinale confermata chirurgicamente e il volume di aria libera e ascite misurati da 4 radiologi con un software semiautomatico. Gli autori hanno scoperto che un volume significativamente maggiore di ascite è associato alla perforazione del tratto gastrointestinale superiore, con una media di 333 ml, rispetto al tratto gastrointestinale inferiore, che ha prodotto una media di 100 ml di ascite. Stomaco, colon discendente e sigma erano associati a maggiori volumi di aria libera. Gli autori presentano un algoritmo per localizzare la perforazione. Il primo punto è il volume di aria libera >185 ml, quindi il volume di ascite per indicare il probabile sito di perforazione. Gli autori concludono che il loro processo in due fasi che utilizza il volume di aria e l’ascite, può aumentare la confidenza nella diagnosi di localizzazione della perforazione gastrointestinale nel tratto gastrointestinale superiore, medio o inferiore.

 

The CT scout view: complementary value added to abdominal CT interpretation. Lee MH, Luber MG, Mellnick VM, Menias CO, Bhalla S, Pickhardt PJ. Abdominal Radiology 2021. 46:5021-5036

Questo articolo offre una prospettiva interessante sull’immagine scout. Gli autori affermano che l’utilizzo della scout può aggiungere alla scansione informazioni potenzialmente rilevanti, come un inatteso carcinoma delle basi polmonari non incluso nella TC. Gli autori iniziano discutendo che la scout viene acquisita per valutare le posizioni di inizio e fine del raggio di scansione e identificare i punti di riferimento anatomici e seguono sostenendo che lo standard di cura medico-legale è che i radiologi dovrebbero rivedere qualsiasi immagine presentata per l’interpretazione, incluso la scout. Gli autori affermano che mentre la maggior parte dei reperti della scout sarà visibile sulle immagini TC, fino al 2% delle immagini scout potrebbe avere reprti non inclusi nel campo visivo della TC. Inoltre, i corpi estranei iperdensi, compresi gli strumenti chirurgici, possono essere facilmente visti sulle immagini scout. Gli autori danno l’esempio che la scout può dare un’idea migliore di un corpo estraneo metallico, che può essere oscurato da artefatti da striature alla TC. L’articolo fornisce molte correlazioni di imaging ai risultati che possono essere valutati meglio con l’assistenza dell’immagine dello scout, così come le insidie ​​della scout.

Diagnostic utility of computed tomography in patients presenting to the emergency department with unintended weight loss. Rao S, Kikano EG, Smith DA, Tirumani SH, Ramaiya NH. Emergency Radiology (2021) 28: 771-779.

Questo articolo pubblicato sulla rivista Emergency Radiology discute l’imaging di un problema clinico complesso, quale perdita di peso involontaria, definita come il 5% del peso corporeo per almeno sei mesi. Gli autori presentano una coorte di casi retrospettivi di 133 pazienti. Di questi 133, 92 sono stati sottoposti a TC addome/pelvi, 22 sono stati sottoposti a TC torace, addome, pelvi e gli altri hanno avuto TC singole di torace, addome o bacino. Il reperto TC più comune in questi pazienti era una condizione gastrointestinale non maligna (31%), più comunemente pancreatite cronica. Questo è stato seguito da qualsiasi tipo di tumore maligno (23%), i più comuni primari erano polmone, colon e pancreas. Gli autori affermano di essere stati in grado di trovare una causa sulla TC per la perdita di peso involontaria nel 48% dei pazienti. In particolare, sono state riscontrate associazioni significative tra una TC positiva sia con una conta leucocitaria elevata che con anomalie dell’esame fisico.

CT for lymph node staging of Colon cancer: not only size but also location and number of lymph node count. Hong EK, Landolfi F, Castagnoli F, Park SJ, Boot J, Van den Berg J, Lee JM, Beets-Tan R. Abdominal Radiology (2021) 46:4096-4105

Questo articolo mira a prevedere lo stato dei linfonodi nei pazienti con carcinoma del colon utilizzando le caratteristiche di imaging TC. Gli autori iniziano con una discussione sull’attuale stadiazione e trattamento del carcinoma del colon e sottolineano che attualmente non esistono criteri radiologici accurati per il coinvolgimento dei linfonodi nel cancro del colon. È stata valutata con TC con mezzo di contrasto una coorte retrospettiva di 317 pazienti con cancro del colon sottoposti a trattamento chirurgico primario per posizione, dimensione, cluster, attenuazione, forma, eterogeneità interna e margini dei linfonodi e confrontata con lo stato dei linfonodi dall’istologia. È stato riscontrato che il diametro corto del linfonodo (con un cut-off di 7,95 mm) e l’eterogeneità interna hanno l’associazione significativa con lo stato maligno. Anche il numero totale di linfonodi, il numero di linfonodi nell’area peritumorale e il numero di linfonodi lungo i vasi mesenterici hanno mostrato un’associazione significativa con lo stato maligno dei linfonodi nel cancro del colon. Gli autori di questo studio non hanno trovato alcuna associazione significativa tra un rapporto tra l’asse corto e lungo del linfonodo di 0,8 o superiore, come proposto da studi precedenti.

Approach to Cystic Lesions in the Abdomen and Pelvis, with Radiologic-Pathologic Correlation. Yacoub JH, Clark JA, Paal EE, Manning MA. Radiographics 2021; 41: 1368-1386

 

Questo lavoro si concentra sulle caratteristiche di imaging delle lesioni cistiche del tratto gastrointestinale, del mesentere e del peritoneo e mette in evidenza le caratteristiche che possono aiutare nella diagnosi di queste lesioni. Gli autori evidenziano le caratteristiche chiave del contenuto delle cisti, la locularità, lo spessore della parete, la complessità interna e l’enhancement. Gli autori iniziano separando le cisti in tre categorie: cisti vere, neoplasie cistiche e lesioni che appaiono cistiche e fornendo caratteristiche di imaging dettagliate per ciascuna categoria. Vengono quindi forniti dettagli sull’utilità e sui limiti di ciascuna modalità di imaging nella diagnosi delle cisti. La maggior parte dell’articolo descrive le lesioni cistiche e fornisce importanti caratteristiche di imaging per aiutare i radiologi a familiarizzare con le possibili lesioni e con le comuni diagnosi differenziali delle lesioni cistiche. L’articolo fornisce molte immagini di alta qualità in queste lesioni. Il lavoro conclude con una discussione sulla gestione delle lesioni cistiche del tratto gastrointestinale e dell’addome.

 

 

References
  • Share